La ricetta sud-coreana delle tre T

La mappa dell’OMS della diffusione del contagio da Coronavirus

C’è un Paese al mondo che sta combattendo l’epidemia, ormai pandemia, da Coronavirus con un approccio che unisce scienza e tecnologia. È la Sud-Corea, il Paese dove una setta religiosa dedita alla segretezza, ha consentito all’epidemia di espandersi a macchia d’olio. Ma la patria di Samsung non si è fatto travolgere dal panico e da fenomeni di psicosi di massa, ma ha abbracciato un approccio che ora tutti chiamano la ricetta delle tre T: Traccia, Testa, Tratta (in inglese: trace, test and treat).

Partiamo dai test, la seconda T. In Sud-Corea si svolgono 20mila tamponi al giorno: un alto volume di tamponi mirati, mentre il tracciamento geo-localizzato mette in quarantena i cittadini. Le persone sintomatiche, con febbre e tosse, che temono di aver contratto il temibile Covid-19 si presentano in un parcheggio presso l’ospedale di Seul, tira fuori la lingua e il personale, con tute ad hoc e mascherine protettive per non contaminarsi, prende il tampone per effettuare il test.

La Sud-Corea non fa troppi tamponi, ma li fa seguendo un approccio scientifico: sapere per deliberare. Ma non finisce qui nel Paese dove si trova la capitale degli smartphone: non solo è importante testare, ma anche monitorare.

La Sud-Corea traccia. Il Paese asiatico ha preferito adottare la geo-referenziazione dei casi di contagio, identificando i singoli focolai su mappe. Un uso sapiente della tecnologia ha aiutato la Sud-Corea a contenere ed arginare la diffusione da Coronavirus, dimostrando che l’IT salva la vita, nel rispetto della privacy. Ammettiamo che è molto triste dover stampare in Italia obsolete ed anacronistiche auto-dichiarazioni su modulo cartaceo, quando tutti abbiamo in tasca uno smartphone ed applicare la geo-localizzazione avrebbe risolto molte problematiche.

In Corea del Sud, dopo l’esplosione iniziale, la curva dei contagi prima si è stabilizzata, ma presto ha già iniziato a flettere. Finora sono morti 66 pazienti su 7800 (contro i nostri 827 morti su circa 12500 contagi). Il tasso di mortalità è dello 0.7%. La strategia sudcoreana, che è stata impostata sul trattamento della Middle East Respiratory syndrome (Mers), l’epidemia del Medio-Oriente successiva alla Sars, ha molto da insegnarci.

Anche a Taiwan sfruttano l’analisi dei Big Data e la geo-referenziazione per ricostruire la catena di trasmissione del Coronavirus e per tracciare persone ammalate in quarantena, contenendo l’epidemia.

https://platform.twitter.com/widgets.js

La Sud-Corea traccia (i malati) con la geo-localizzazione per monitorarne la quarantena (chi è sintomatico ma non sta male deve stare a casa e rispettare le regole), testa il più possibile con i tamponi e poi tratta la malattia per curare i sintomatici in grave difficoltà respiratoria.

La Sud-Corea è un modello da imitare. Soprattutto per ridurre i tassi di mortalità e letalità. Riflettiamoci.

@CastigliMirella